I consigli del nostro blog

APE (Attestato di Prestazione Energetica): da chi viene rilasciato e quali sono i rischi

Tra i documenti obbligatori per vendere casa, troviamo l’APE, ossia un attestato che certifica la prestazione energetica di un immobile. Questo documento deve essere consegnato al compratore prima del rogito, risulta quindi essenziale per chiudere la trattativa immobiliare.

valutazione energetica edificio

APE: a cosa serve?

L’attestato di prestazione energetica, assegna un punteggio all’immobile in termini di consumi energetici per il riscaldamento e il raffrescamento dell’edificio. Il valore che viene assegnato contribuisce a determinare il prezzo e la valutazione dell’immobile stesso.

Il consumo energetico è un parametro che sta sempre più a cuore ai nuovi compratori e rientra tra gli aspetti di valutazione principali di chi deve comprare casa, per questo è preso in seria considerazione nella fase di definizione del prezzo.

Il conferimento delle classi energetiche ha cambiato radicalmente il modo di costruire, di ristrutturare e, indirettamente, di vendere casa.

Dopo la visione e la valutazione dei documenti inerenti all’immobile, il tecnico abilitato alla certificazione energetica redige un atto in cui viene assegnato all’immobile un punteggio che rientra in una forchetta di 10 classi energetiche: da G fino ad A4, ovviamente più ci si avvicina alla A più l’immobile ha un basso impatto energetico. I consumi di un immobile in A4 sono vicini allo zero.

Se stai vendendo un immobile in classe G, sai già che il potenziale acquirente potrebbe fare delle obiezioni sul prezzo in quanto già preventiverà il costo dei lavori volti al contenimento dei consumi.

Documenti per APE: cosa devi presentare al perito?

  • Cartelle catastali conformi, altrimenti sarà il perito ad eseguire un rilievo;
  • Libretto dell’impianto termico;
  • Prova dei fumi in corso di validità.

Dopodiché il perito effettuerà un sopralluogo per verificare la tipologia di impianto, di infissi ed eventuali coibentazioni.

perito fa una valutazione energetica dell'edificio

Chi rilascia attestato di prestazione energetica?

L’attestato di certificazione energetica è redatto e rilasciato da esperti qualificati come, ad esempio, ingegneri, architetti, geometri. Oggigiorno è facile richiedere certificati anche online, ma è sempre bene affidarsi a degli esperti in quanto, come abbiamo visto, i valori assegnati pregiudicano di molto il valore dell’immobile.

Dalla data del rilascio, generalmente, l’Ape ha validità per 10 anni. Se però vengono effettuati interventi di ristrutturazione, che possano modificare la prestazione energetica dell’edificio, è bene eseguire nuovamente la certificazione.

Attestato prestazione energetica: quanto costa?

Non c’è un costo universale e generico per l’APE. Molto dipende dalla tipologia, dalla grandezza dell’immobile e dalla parcella del perito. Possiamo dire, in linea generale, che il costo parte dai 200€ minimi.

Vendere casa senza APE: Cosa si rischia?

Per vendere casa serve APE, obbligatoriamente. I rischi per la mancanza dell’APE, o per le dichiarazioni energetiche false, riguardano sanzioni amministrative che posso essere riassunte così:

  • Da 500 euro a 3.000 euro: se vengono riportati falsi valori energetici sugli annunci immobiliari;
  • Da 300 euro a 1.800 euro: per gli edifici ristrutturati o di nuova costruzione nei quali il costruttore, o il proprietario, vende senza aver redatto l’APE;
  • Da 3.000 euro a 18.000 euro: per gli edifici esistenti nei quali il proprietario vende senza aver redatto l’APE;
  • Da 700 euro e 4.200 euro: per il perito che esegue un APE senza rispettare i requisiti definiti dalla legge.
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su email
Email